Connettiti con noi

Cronaca

Accordo per agevolare l’accesso al credito per le imprese tra BancaTer, Confidi Friuli, Confindustria Udine e Confapi Fvg

Avatar

Un accordo che punta ad agevolare l’accesso al credito per le imprese della
provincia di Udine, con urgenti esigenze di finanziamenti finalizzati al sostegno
della liquidità aziendale. Questo l’obiettivo dell’accordo sottoscritto oggi (1
settembre, ndr) a Udine, nella sede di BancaTer Credito Cooperativo FVG, dal
presidente dell’istituto, Luca Occhialini, dal presidente di Confidi Friuli, Cristian
Vida, dalla presidente di Confindustria Udine, Anna Mareschi Danieli, e dal
presidente di Confapi FVG, Massimo Paniccia.
L’intesa prevede condizioni particolari per le imprese associate o associabili, clienti di
BancaTer, una proposta sviluppata sinergicamente per offrire un concreto sostegno
al rilancio del territorio e alla valorizzazione delle eccellenze locali. Il plafond totale
finanziabile è pari a 10 milioni di euro (a esaurimento entro il 31 marzo 2021), gli importi
andranno da 100 mila a 500 mila euro, con garanzia Confidi Friuli a prima richiesta fino
all’80% e sconto del 65% sulla componente “costo del credito”.
«Con questo accordo, BancaTer prosegue con determinazione nell’azione di sostegno
concreto all’economia reale del territorio – afferma il presidente dell’istituto Occhialini –.
Per fronteggiare la crisi innescata dall’emergenza Covid, abbiamo messo in campo una
serie di interventi e soluzioni puntuali a supporto di artigiani, professionisti e imprenditori
locali, oltre che delle famiglie, perseguendo quella che è la vera missione del credito
cooperativo. Con la firma odierna, diamo una risposta alla domanda di ulteriore
liquidità delle imprese del territorio, permettendo loro di affrontare un passaggio
cruciale. È una dimostrazione di fiducia. Oggi più che mai, le aziende vanno sostenute. In
questo senso, BancaTer continuerà a fare la sua parte».
«La situazione continua a rimanere difficile per la nostra economia e per imprenditori
che si ritrovano dopo una breve pausa estiva con la permanente incognita della pandemia
– commenta il presidente di Confidi Friuli Vida –. Nel definire i contenuti del protocollo
abbiamo considerato principalmente l’obiettivo di andare incontro alle esigenze
aziendali, pensando non solo all’attuale fase di lenta ripresa, ma anche a un
auspicabile rilancio, quando anche le piccole e medie imprese consolideranno gli
investimenti per lo sviluppo».

«La volontà comune è di sostenere le imprese favorendo l’accesso alla liquidità, uno
dei nodi più critici in questa fase di crisi economica indotta dall’emergenza Covid-19 –
aggiunge Mareschi Danieli, presidente di Confindustria Udine –. Dobbiamo
accompagnare la ripresa delle attività produttive con ogni mezzo, facendo squadra,
ciascuno nel proprio ruolo e secondo le proprie competenze, puntando a
semplificare e velocizzare le procedure necessarie per l’accesso al credito e alle
garanzie. In questo caso, l’impegno preso è quello di chiudere le pratiche entro 20 giorni
dalla loro presentazione e il taglio massimo del finanziamento concesso, fino a 500 mila
euro, amplia la platea dei potenziali beneficiari, includendo anche aziende più strutturate.
Questo è quello che ci chiedono i nostri imprenditori».
La necessità di supportare le attività d’impresa in questo momento di particolare
criticità è stata sottolineata anche dal presidente di Confapi FVG Paniccia. «L’accordo
rappresenta una soluzione immediata per imprese e lavoratori che consente di affrontare i
problemi contingenti. Il blocco delle attività e la ripartenza lenta hanno avuto effetti gravi,
come l’annullamento di ordini, di commesse in corso, e provocato il drastico calo del
fatturato con seri problemi di incasso». Con l’intesa sottoscritta, che nasce dalla
collaborazione virtuosa tra istituzioni, banche e imprese, «diamo la possibilità alle
piccole aziende in difficoltà, di stare sul mercato e di rimanerci».

Cronaca

Coronavirus: 39 i nuovi contagi

Avatar

Le persone attualmente positive al Coronavirus in Friuli Venezia Giulia sono 677 (15 più di ieri).
Quattro pazienti sono in cura in terapia intensiva, mentre 22 sono ricoverati in altri reparti. Non sono stati registrati nuovi decessi (349 in totale).

Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute. Oggi sono stati rilevati 39 nuovi contagi; quindi, analizzando i dati complessivi dall’inizio dell’epidemia, le persone risultate positive al virus sono 4.312: 1.568 a Trieste, 1.399 a Udine, 961 a Pordenone e 371 a Gorizia, alle quali si aggiungono 13 persone da fuori regione.

I totalmente guariti ammontano a 3.286, i clinicamente guariti sono 5 e le persone in isolamento 646. I deceduti sono 197 a Trieste, 77 a Udine, 68 a Pordenone e 7 a Gorizia.

Continua a leggere

Cronaca

Palmanova: inaugurata la riqualificazione della casa di riposo “Ardito Desio”

Avatar

Con l’inaugurazione di oggi, si chiudono i principali lavori di riqualificazione sullo stabile di Contrada Savognan della Casa di riposo ASP “Ardito Desio” di Palmanova. “Finalmente, dopo anni di vicissitudini burocratiche e difficoltà, siamo giunti alla conclusione dei lavori che hanno permesso di rinnovare completamente gli spazi della palazzina”, commenta il Presidente dell’ASP Claudio Kovatsch, assieme al direttore Flavio Cosatto.

Lavori iniziati nel 2011 con le precedenti gestioni della struttura e che hanno visto un primo investimento di 2.136.000 euro, in parte coperto da contributo regionale e da un mutuo regionale, per opere di manutenzione straordinaria che ha comportato il sopraelevamento di una parte della palazzina, il rifacimento completo dell’impiantistica, l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche e la posa di nuovi serramenti e nuove porte. Altri 465.000 euro, grazie ad un altro contributo regionale, sono stati investiti per migliorare la resistenza antisismica. Un nuovo impegno finanziario ha visto arrivare 490.000 euro dalla Regione a cui si sono aggiunti 700.000 di mutuo acceso dall’ASP stessa per il completamento dell’edificio oggetto dell’inaugurazione odierna. I lavori di efficientamento energetico, per un valore di circa 550.000 euro, sono già stati appalti e di questi un primo lotto già è stato concluso.

Aggiunge il Presidente Kovatsch: “Per il grande lavoro svolto ringrazio le ditte che hanno effettuato i lavori nonché tutti i soggetti che ci hanno aiutato a giungere a questo risultato, dalla Regione FVG al Comune di Palmanova, dalla Fondazione Friuli a Civibank e tutte le altre realtà che ci sono state vicine, anche nel momento della crisi sanitaria. Un abbraccio ideale va a tutti i dipendenti e collaboratori esterni, impegnati quotidianamente nell’obiettivo comune di salvaguardare salute e benessere degli ospiti. Ora, ancora di più, abbiamo una struttura rinnovata e adeguata alle esigenze degli ospiti”.

Il programma dei lavori proseguirà con la progettazione esecutiva e successiva realizzazione dei lavori per l’obbligatorio processo di riclassificazione della residenza protetta: il contributo di 1.000.000 di euro sul bando EISA 2019 permetterà la realizzazione di nuove camere di degenza, consentendo alla struttura di passare dagli attuali 94 posti letto per non autosufficienti ai futuri 103 posti letto e la redistribuzione ottimale dei locali da adibire al servizio di animazione, di fisioterapia e degli uffici amministrativi.

Il Sindaco di Palmanova Francesco Martines: “Serve un’attenzione particolare a strutture sensibili come le case di riposo. Sono stati anni di contatti quotidiani con la dirigenza dell’ASP per risolvere i mille problemi che ora sono finalmente superati. Con orgoglio rivendichiamo una gestione sana, con prevalenza di personale dipendente, rette contenute e un servizio di qualità. Con grande gioia riapriremo finalmente il secondo anello e l’anno prossimo anche il terzo, grazie ai lavori di costruzione della nuova stazione del trasporto pubblico locale”.

Durante la cerimonia d’inaugurazione il Sindaco Martines ha voluto consegnare un encomio ufficiale dedicato a tutti gli operatori dell’ASP per l’impegno messo nel fronteggiare “tutti insieme, uniti, con spiccato spirito di sacrificio l’emergenza sanitaria Covid-19”

E infine l’assessore regionale alla sanità Riccardo Riccardi, intervenuto all’inaugurazione: “La nostra massima gratitudine deve andare al personale sanitario per come ha e sta affrontando le difficoltà della crisi sanitaria. Strutture come questa sono importanti perché offrono un servizio che si innesta tra il domicilio e la struttura sanitaria ospedaliera. Dobbiamo lavorare sulla fragilità: la vera scommessa del futuro è riformare il sistema di gestione di questo livello di assistenza, per assicurare massima tranquilla ad ospiti, professionalità sanitarie e famiglie. Complimenti per i risultati e il lavoro svolto qui a Palmanova”.

Continua a leggere

Cronaca

Scontro nella notte lungo la Cimpello-Sequals: 2 i feriti

Avatar

Nella notte, intorno alle 3, due vetture che percorrevano la Cimpello-Sequals, si sono scontrate nelle vicinanze della “rotonda di Moro”. I Vigili del Fuoco di Pordenone sono intervenuti con due mezzi per mettere in sicurezza lo scenario ed operare in stretto coordinamento con gli operatori sanitari del 118 giunti sul posto con due ambulanze che hanno trasportato due persone, un uomo e una donna, presso l’ospedale di Pordenone.

Continua a leggere

UDINESETV LIVE

Facebook

Newsletter UdineseTV

Ultime News