Connettiti con noi

news

Musso: “Fiducioso per la stagione. Lavoriamo bene e ci conosciamo come squadra”

Avatar

Il portiere bianconero Juan Musso in esclusiva ai nostri microfoni.
Ecco le sue dichiarazioni: 

Siamo nella parte finale della preparazione, il campionato si avvicina, l’Udinese salterà la prima partita. Puoi fare un bilancio di queste settimane di lavoro particolari?<<Per noi è stata una preparazione molto intensa. Affronteremo al meglio l’amichevole contro la SPAL. La squadra ha fatto un’ottima preparazione, ho fiducia>>.

Secondo te che tipo di campionato è quello che sta per iniziare? Le incognite sono tante, che tipo di stagione ti aspetti in generale?
<<Sarà una stagione difficile. Lavoriamo bene e ci conosciamo come squadra, speriamo di riuscire a sfruttare questo fattore. In Serie A comunque ogni partita è una lotta, ogni partita è un mondo a parte. Nel percorso della stagione ci prepareremo di volta in volta per affrontare al meglio l’avversario. Faremo il massimo per giocare ogni partita come fosse una finale>>

Pensi possa essere un vantaggio il fatto che lo zoccolo duro della squadra è rimasto quello?<<Ci conosciamo molto come squadra, nelle ultime partite ci capivamo molto. Conosciamo anche il Mister da un anno. Daremo il massimo per aiutare i compagni appena arrivati ad inserirsi velocemente nel gruppo e fare in modo che si sentano comodi dentro il campo>>

Tra i compagni nuovi c’è anche il tuo connazionale Nahuel Molina. Ci puoi aiutare a capire meglio che giocatore è?
<<Lo conoscevo già come giocatore, come ragazzo l’ho appena conosciuto. È un giocatore dalla giovanile del Boca Junior, è abituato a giocare in un modo offensivo. Quello ci servirà perché vogliamo diventare una squadra che aggredisce di più. Sicuramente si adatterà bene al calcio italiano>>
È un vantaggio secondo te il fatto che si ricominci dalla seconda partita contro il Verona. Avere una prova in più e una settimana in più contro la SPAL vi può essere d’aiuto?
<< È troppo presto per tirare già delle conclusioni. Ci è toccato in questo modo e andremo avanti così. Però parlare di un vantaggio o di uno svantaggio è prematuro. Ribadisco, la stagione è lunga e ogni partita è unica e va affrontata come tale>>.

Si parte a porte chiuse, senza tifosi. Tu ci hai già detto che è un qualcosa di brutto. Secondo te anche una piccola riapertura può dare una mano a voi protagonisti sul campo?<< Si, certo. Tutti noi vogliamo i nostri tifosi, sono una carica importantissima. Però ci sono tanti fatti da tenere in considerazione e non sono in grado di dire cosa è meglio fare e cosa no>>.

Hai detto una cosa giustissima, è troppo presto per fare previsioni e parlare di obiettivi. Quale può essere l’ambizione dell’Udinese e quale la tua?
<< Io sento che la nostra ambizione è quella di riuscire a tenere la concentrazione e la motivazione in ogni partita, io vivo il calcio così. Ogni giornata va sfruttata al massimo e bisogna trovare la mentalità giusta ad ogni partita. Quello ci porterà a fare un bel percorso. Alla fine tireremo le somme>>.

Un messaggio ai tifosi dell’Udinese in vista del campionato alle porte<<Ci mancate tanto, soprattutto i tifosi che ci accompagnano ogni domenica nelle partite in casa. Lavoreremo tanto e daremo il massimo per portavi gioia>>.

Calcio

Coppa Italia, Udinese in campo contro il Vicenza

Avatar

Dopo la Fiorentina ecco la Coppa Italia. Un impegno infrasettimanale, quello di stasera alle 18 contro il Vicenza, di particolare importanza per l’Udinese al di là della posta in palio, ovvero il passaggio al quarto turno. Sarà infatti occasione sia per dare spazio a quei giocatori visti di meno in questo avvio di stagione, sia per provare ulteriormente i nuovi assetti tattici al vaglio di mister Gotti. La rotazione rispetto al ko del Franchi sarà pressoché totale, i vari Scuffet, Bonifazi, Couliably, Makengo, Nestorovski e Forestieri sono tutti pronti a scendere in campo dal primo minuto e proveranno a convincere il tecnico a fare maggior affidamento su di loro anche in campionato. Sul fronte del modulo, che in partenza dovrebbe rimanere il 3-5-2, a uno degli esterni tra Zeegelaar e Ter Avest potrebbe toccare il compito di indietreggiare sulla linea difensiva in caso di passaggio allo schieramento a 4, eventualità in cui Pussetto potrebbe essere invece avvicinato agli attaccanti se non addirittura far parte di un ipotetico tridente offensivo.

Una vittoria condita da una prestazione convincente può dare alla squadra quell’iniezione di fiducia utile ad affrontare con piglio più sicuro le prossime probanti sfide di campionato contro Milan e Sassuolo. Proprio come lo scorso anno quando, dopo le pesanti battute d’arresto con Sampdoria e Lazio, l’Udinese sconfisse il Bologna per 4-0 in Coppa riscoprendo la forza dirompente di Seko Fofana, per poi concludere il girone di andata di campionato con 4 vittorie in 5 partite.

Chi prevarrà tra friulani e berici, oggi in formazione rimaneggiata e orfani dell’ex bianconero Pontisso, se la vedrà tra la vincente tra Fiorentina e Padova in un quarto turno da cui, a sua volta, uscirà l’avversaria dell’Inter agli ottavi. Differita su Udinese TV stasera a mezzanotte e domani alle 16.30 e alle 23.

Continua a leggere

Cronaca

Covid FVG: il dettaglio dei casi di oggi

Avatar

+143 a Udine; +57 a Trieste; +19 a Pordenone e + 18 a Gorizia

241 nuovi contagi a fronte di 4.422 tamponi eseguiti e un decesso: è quanto riporta la protezione civile regionale nel report odierno del corona virus in Friuli Venezia Giulia. La vittima, la numero 378 nel computo regionale, è un 82enne residente a Pordenone e ricoverato nel locale reparto di pneumologia covid. I casi attuali di infezione risultano 3.480, mentre salgono a 31 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 139 quelli ricoverati in altri reparti. Da oggi, ha annunciato il vice governatore, Riccardo Riccardi, sono operativi nei reparti di terapia intensiva delle strutture ospedaliere del Friuli Venezia Giulia ulteriori 29 posti letto. Si tratta dell’attuazione di una manovra progressiva, definita nelle unità di crisi, che risponde all’attuale andamento della curva del contagio. Nel dettaglio due posto sono al Burlo Garofolo di Trieste, due nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale, dieci nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale e 15 nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano-Isontina. Il numero complessivo di posti messi a disposizione dal sistema sanitario regionale ammonta così a 55, come da obiettivo indicato dal Ministero della Salute per il Friuli Venezia Giulia. Sul fronte delle nuove positività al virus, nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati i casi di un ospite di una casa di riposo in provincia di Pordenone e di due ospiti di una struttura dedicata alle disabilità di Trieste. L’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale registra i contagi di tre infermieri, una ostetrica, un Oss, un autista, un operatore tecnico, un medico e uno specializzando. All’Asugi sono stati contagiati due Oss, un tecnico di radiologia, due infermieri e un farmacista mentre nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale sono stati colpiti un infermiere e un medico. Continuano intanto le dimostrazioni di generosità: il Malignani potrà beneficiare del bel gesto di “La Ricambi Udinese”, che ha fatto una cospicua donazione di mascherine chirurgiche, gel igienizzante e detergenti.

Continua a leggere

Cronaca

Coronavirus: 241 nuovi contagi e un decesso

Avatar

+143 a Udine; +57 a Trieste; +19 a Pordenone e + 18 a Gorizia

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 241 nuovi contagi (4.422 tamponi eseguiti) e un decesso
da Covid-19. Si tratta di un uomo nato nel 1938 e residente a Pordenone.

Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

Le persone risultate positive al virus in regione dall’inizio della pandemia ammontano in tutto a 8.736, di cui: 2.880 a trieste, 3.205 a Udine, 1.691 a Pordenone e 885 a Gorizia, alle quali si aggiungono 75 persone da fuori regione.

I casi attuali di infezione sono 3.480. Salgono a 31 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 139 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 378, con la seguente suddivisione territoriale: 203 a Trieste, 85 a Udine, 79 a Pordenone e 11 a Gorizia.

I totalmente guariti sono 4.878, i clinicamente guariti 35 e le persone in isolamento 3.275.

Continua a leggere

UDINESETV LIVE

Facebook

Ultime News