Connettiti con noi

Cronaca

Libertà di stampa: Moretti (Pd), non siano scontati valori fondamentali democrazia

Avatar

Quella celebrata oggi a Ronchi dei Legionari è una giornata importante per la libertà di stampa, un’occasione non solo per ricordare il sacrificio della reporter investigativa Daphne Caruana Galizia, assassinata nel 2017, ma che vuole mantenere vivo il ricordo di tutti i giornalisti, operatori e addetti dell’informazione che hanno perso la loro vita solo per aver fatto il loro lavoro». A dirlo è il vice capogruppo del Pd in Consiglio regionale e segretario provinciale del Pd di Gorizia, Diego Moretti presente oggi a Ronchi dei Legionari (Go) all’evento organizzato dall’associazione culturale Leali delle Notizie in collaborazione con l’amministrazione comunale di Ronchi dei Legionari e il sostegno della Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI), per l’inaugurazione del murales dedicato a Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese uccisa in un attentato il 16 ottobre 2017. «L’opera realizzata dall’artista Massimo Racozzi – continua Moretti – ci ricorda i valori fondanti della nostra democrazia e del valore della libertà d’espressione che spesso diamo per scontato in uno Stato democratico. Temi che portano questa iniziativa a un’importanza nazionale e internazionale grazie anche alla partecipazione del sottosegretario della presidenza del Consiglio dei ministri con delega all’Informazione e all’editoria, Andrea Martella e al il presidente della Federazione nazionale stampa italiana, Giuseppe Giulietti» che ha organizzato un flash mob con alcuni giornalisti della stampa locale a sostegno dei colleghi della stampa di Malta, i quali stanno organizzando parallelamente una cerimonia gemella sul loro territorio.

Infine, conclude Moretti, «spiace che in una occasione di tale importanza siano mancati i rappresentanti regionali della maggioranza di centrodestra a testimoniare vicinanza e sostegno alla libertà di stampa. Il Pd ha voluto essere presente per questo e anche per ringraziare Martella per il suo lavoro che ha garantito, durante il lockdown, che tutto il sistema dell’editoria potesse continuare la sua importante attività».

Continua a leggere

Cronaca

Covid FVG: il dettaglio dei casi di oggi

Avatar

+143 a Udine; +57 a Trieste; +19 a Pordenone e + 18 a Gorizia

241 nuovi contagi a fronte di 4.422 tamponi eseguiti e un decesso: è quanto riporta la protezione civile regionale nel report odierno del corona virus in Friuli Venezia Giulia. La vittima, la numero 378 nel computo regionale, è un 82enne residente a Pordenone e ricoverato nel locale reparto di pneumologia covid. I casi attuali di infezione risultano 3.480, mentre salgono a 31 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 139 quelli ricoverati in altri reparti. Da oggi, ha annunciato il vice governatore, Riccardo Riccardi, sono operativi nei reparti di terapia intensiva delle strutture ospedaliere del Friuli Venezia Giulia ulteriori 29 posti letto. Si tratta dell’attuazione di una manovra progressiva, definita nelle unità di crisi, che risponde all’attuale andamento della curva del contagio. Nel dettaglio due posto sono al Burlo Garofolo di Trieste, due nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale, dieci nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale e 15 nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano-Isontina. Il numero complessivo di posti messi a disposizione dal sistema sanitario regionale ammonta così a 55, come da obiettivo indicato dal Ministero della Salute per il Friuli Venezia Giulia. Sul fronte delle nuove positività al virus, nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati i casi di un ospite di una casa di riposo in provincia di Pordenone e di due ospiti di una struttura dedicata alle disabilità di Trieste. L’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale registra i contagi di tre infermieri, una ostetrica, un Oss, un autista, un operatore tecnico, un medico e uno specializzando. All’Asugi sono stati contagiati due Oss, un tecnico di radiologia, due infermieri e un farmacista mentre nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale sono stati colpiti un infermiere e un medico. Continuano intanto le dimostrazioni di generosità: il Malignani potrà beneficiare del bel gesto di “La Ricambi Udinese”, che ha fatto una cospicua donazione di mascherine chirurgiche, gel igienizzante e detergenti.

Continua a leggere

Cronaca

Coronavirus: 241 nuovi contagi e un decesso

Avatar

+143 a Udine; +57 a Trieste; +19 a Pordenone e + 18 a Gorizia

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 241 nuovi contagi (4.422 tamponi eseguiti) e un decesso
da Covid-19. Si tratta di un uomo nato nel 1938 e residente a Pordenone.

Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

Le persone risultate positive al virus in regione dall’inizio della pandemia ammontano in tutto a 8.736, di cui: 2.880 a trieste, 3.205 a Udine, 1.691 a Pordenone e 885 a Gorizia, alle quali si aggiungono 75 persone da fuori regione.

I casi attuali di infezione sono 3.480. Salgono a 31 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 139 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 378, con la seguente suddivisione territoriale: 203 a Trieste, 85 a Udine, 79 a Pordenone e 11 a Gorizia.

I totalmente guariti sono 4.878, i clinicamente guariti 35 e le persone in isolamento 3.275.

Continua a leggere

Cronaca

Aggressione e tentata rapina al terminal corriere di Udine

Avatar

Prima tenta di rapinarlo, poi non ottenendo il denaro, lo prende a pugni mentre aspetta il pullman per andare a casa. Vittima della vicenda un 38enne di Tolmezzo aggredito da uno sconosciuto mentre si trovava al terminal della stazione delle corriere di Udine. La vicenda risale allo scorso 19 ottobre, intorno alle 18, quando all’uomo, in attesa del mezzo, si avvicina uno sconosciuto che con fare insistente chiede del denaro. Il carnico non intende donare alcun spicciolo e a quel punto il clochard sferra alcuni pugni indirizzati al volto dell’uomo, minacciandolo. 

Il 38enne trova la forza di fuggire e nonostante sia inseguito dal malvivente riesce a salire sull’autocorriera diretta a Tolmezzo, mettendosi in salvo. Una volta superato lo choc, all’indomani dei fatti, il malcapitato si è recato dai carabinieri della stazione di Ampezzo Carnico per sporgere denuncia.

Ad incastrare il responsabile dei fatti, un 20enne kosovaro, senza fissa dimora, regolare sul territorio nazionale, già noto alle forze dell’ordine, sono state le immagini della video sorveglianza presenti nel terminal delle corriere che hanno permesso ai  militari dell’Arma della sezione operativa della compagnia di Udine di risalire al responsabile  e di denunciarlo per tentata rapina 

Continua a leggere

UDINESETV LIVE

Facebook

Ultime News