fbpx
Connettiti con noi

Udinese

Udinese, tra Juventus e casi Covid. In arrivo il nuovo protocollo

L’Udinese continua a monitorare da vicino la situazione legata ai suoi atleti attualmente positivi e nel frattempo ha finalmente potuto riprendere i lavori in vista dell’appuntamento di sabato contro la Juventus, che non si preannuncia di certo semplice. Ci sarà da valutare con particolare attenzione le situazioni cliniche, sperando di recuperare qualche elemento prezioso in vista dello scontro con la squadra di Allegri. Intanto però sono giorni febbrili per quanto riguarda la nuova regolamentazione che potrebbe investire il calcio italiano. Dopo le proteste di Bologna e Udinese, accompagnate dal preannuncio di ricorso della società bianconera avverso il risultato di Udinese-Atalanta, il sentimento complessivo è quello di un protocollo sbagliato, approvato in fretta e furia, che ora potrebbe già essere cambiato. Mercoledì è la data della Conferenza Stato-Regioni per decidere ufficialmente i provvedimenti da applicare, ma intanto c’è stato un concreto passo in avanti per le nuove norme che ridurranno la discrezionalità degli interventi delle Asl locali per dare uniformitò di trattamento a tutte le società di calcio, basket e volley. E’ stata approvata all’unanimità una bozza dopo il vertice tra il CONI e la Federazione medico-sportiva che conferma la validità della quarantena soft che aveva fatto ripartire il movimento sportivo dopo il lockdown, permettendo a chi ha avuto contatti stretti con positivi di continuare ad allenarsi e giocare le partite, come successo anche nei famosi tre casi del Napoli, Zielinski (poi risultato positivo), Rrahmani e Lobotka scesi in campo contro la Juventus. La bozza, che verrà valutata come detto nella conferenza stato-regioni, fissa il rinvio della partita con il 35% della rosa positivo. Da lì in poi si parla di focolaio. In una rosa, come quella bianconera, da 25 elementi, il limite sarebbe di 9 elementi, come è in questo momento. Il nuovo corso prende ispirazione dalla Premier League, anche perché esclude i Primavera, al contrario dello scorso protocollo. I club di A si riuniranno poi giovedì per ratificare il nuovo protocollo, che non dovrebbe distaccarsi da questi punti cardine. Uno step importante per l’uniformità.

Udinese

Juventus – Udinese: i precedenti

I MARCATORI DI UDINESE-JUVENTUS

UDINESE 79 Reti – 4 reti: Sosa; 3 reti: Secchi, Di Natale; 2 reti: E. Soerensen, Selmosson, Menegotti, Bettini, Canella, Ulivieri, Zico, Miano, Branca, Bierhoff, Amoroso, Bachini, Sanchez; una rete: Castaldo, Darin, Moro, Frignani, Pantaleoni, Milan, Pentrelli, Del Pin, Rozzoni, Galparoli, Virdis, Mauro, Carnevale, Graziani, An.Orlando, Balbo, Stroppa, Cappioli, Locatelli, Bisgaard, Jorgensen, Jankulovski, Di Michele, Dossena, Quagliarella, Pepe, Zapata, Floro Flores, A.Lazzari, Thereau, Jankto, D. Zapata, Danilo, Perica, Lasagna, Pussetto, Nestorovski, Fofana, Molina, Pereyra, Deulofeu. Autorete: Cabrini.

JUVENTUS 200 Reti – 9 reti: J.Hansen; 8 reti: Del Piero, Dybala; 7 reti;C. Ronaldo; 6 reti: Charles, Platini, F. Inzaghi; 5 reti: Boniperti, Sivori, R. Baggio; 4 reti: K. Hansen, Vivolo, Stacchini, Marocchino, Khedira; 3 reti: Bettega, Tardelli, Boniek, P.Rossi, Zambrotta, Trezeguet, Iaquinta, Matri, Giovinco, Marchisio, Bonucci; 2 reti: Praest, Colombo, Nicolè, Ricagni, Mora, Briaschi, Cabrini, Vignola, Zavarov, Di Vaio, Camoranesi, Vucinic, Pogba, Llorente, Kean; una rete: Carappellese, Manente, Mannucci, Antoniotti, Hamrim, Koetting, Serena, Favero, Brady, Causio, Galderisi, Virdis, Manfredonia, Brio, M. Laudrup, Fortunato, Marocchi, Vialli, Ravanelli, Boksic, Vierchowod, Ferrara, Zidane, N. Amoruso, Conte, Deschamps, Fonseca, Nedved, Davis, Salas, Miccoli, Ibrahimovic, Zalayeta, Veira, Amauri, Grosso, Quagliarella, Vidal, Tevez, Khedira, Alex Sandro, Rugani, Pjanic, Betancur, Emre Can, Matuidi, De Light, Chiesa, Cuadrado. Autoreti. Due: S. Pellegrini, Una Miano, Samir.

I DOPPI EX DI UDINESE-JUVENTUS

  • ALFREDO FONI
  • SERGIO ALMIRON
  • GIUSEPPE VIANI
  • EMANUELE BELARDI
  • SERGIO MANENTE
  • VINCENZO IAQUINTA
  • JOAHNNES PLOGER
  • SIMONE PEPE
  • OSCARRE VICICH
  • MARCO MOTTA
  • AMOS MARIANI
  • MAURICIO ISLA
  • UMBERTO PINARDI
  • KWADWO ASAMOAH
  • ALDO OLIVIERI
  • FABIO QUAGLIARELLA
  • ELIO ANGELINI
  • ANTONIO CANDREVA
  • ANTONIO MONTICO
  • MICHELE PAZIENZA
  • BRUNO MAZZIA
  • ALBERTO ZACCHERONI
  • GIANNI ROMANO
  • LUIGI DELNERI
  • GUGLIELMO BURELLI
  • MASSIMILIANO ALLEGRI
  • TARCISIO BURGNICH
  • MAURIZIO TROMBETTA
  • HUMBERTO ROSA
  • ROBERTO PEREYRA
  • FRANCO CAUSIO
  • GUILLERME CUADRADO
  • VINCENZO CHIARENZA
  • MEDHI BENATIA
  • DINO ZOFF
  • ROLANDO MANDRAGORA
  • ALBERTO MARCHETTI
  • FERNANDO LLORENTE
  • PIETRO FANNA
  • PIETRO PAOLO VIRDIS
  • LUCIANO MIANI
  • CARLO OSTI
  • MASSIMO STORGATO
  • GIOVANNI KOETTING
  • MASSIMO MAURO
  • LUIGI DE AGOSTINI
  • RINO MARCHESI
  • ANDREA CAVERZAN
  • ADRIANO BONAIUTI
  • ALESSANDRO ORLANDO
  • RAFFAELE AMETRANO
  • MARCO ZAMBONI
  • MORGAN DE SANCTIS
  • JONATHAN BACHINI
  • MARCO ZANCHI
  • ANTONIO CHIMENTI
  • STEPHEN APPIAH
  • VICTOR BOUDIANSKI
  • PIETRO LEONARDI
  • GIULIANO GIANNICHEDDA

Continua a leggere

Udinese

Cioffi: “Daremo il massimo per raggiungere gli obiettivi”

Mister Cioffi ha presentato, in esclusiva ai nostri microfoni, Juventus-Udinese. Queste le sue dichiarazioni:

Mister, si ritorna in campo ed è tempo di un altro big match contro la Juventus. Gara molto difficile ma le chiedo quali armi vuole veder messe in campo dalla sua Udinese?
<< Le parole d’ordine sono sacrificio e volontà, quello che i ragazzi hanno messo nell’ultima partita. Abbiamo vissuto e stiamo vivendo una situazione surreale ma non vogliamo dare spazio ad alibi e scuse. Daremo il massimo>>

È una Juventus che arriva dalle fatiche di Supercoppa ma che recupererà pedine importanti come Szczesny, De Ligt e Cuadrado, si aspetta una squadra un po’ stanca nonostante la qualità e la profondità della rosa?
<< Nove scudetti su dieci vengono da una striscia di tredici risultati consecutivi. A mio avviso la parola “fatica” non esiste in squadre del calibro della Juventus. Sono guerrieri e mentalmente potrebbero giocare una partita al giorno. Ci aspettiamo una Juventus arrabbiata per la sconfitta in Supercoppa che partirà forte e che vorrà chiudere la gara subito>>.

Guardando in casa Udinese, sono state settimane dure, Le chiedo come ha visto i ragazzi e se ha recuperato o spera di recuperare qualche elemento?
<<Sono state settimane durissime. Il primo allenamento con la squadra “completa” lo abbiamo fatto due giorni fa, ad oggi sono tutti disponibili bisogna vedere come lo sono>>.

Domanda forse banale, non per dare alibi ma con quali e quante difficoltà ha dovuto convivere per preparare questa partita?
<<Dal 30 dicembre sto facendo l’allenatore 2.0. Devo ringraziare tantissimo lo staff medico, con a capo il dott. Tenore, perché hanno dato il massimo in questi giorni. La società ha fatto il massimo per metterci a nostro agio. C’è un motto che mi porto dietro “per aspera ad astra – attraverso le asperità fino alle stelle”, dobbiamo faticare per raggiungere i nostri obiettivi>>

L’ultima sul mercato, è arrivano il primo tassello Benkovic, come l’ha trovato come primo impatto e potrà esserci domani.
<<Arriva da un lungo periodo di stop, non sarà tra i convocati per la gara di domani. È una promessa del calcio europeo, è un giocatore che se è stato scelto dall’Udinese ha un grande potenziale che tutti noi gli riconosciamo. È un giocatore che conosco bene, l’ho visto giocare in Inghilterra, ha una grande voglia di ritrovarsi e qui ha trovato un ambiente con persone che faranno di tutto per aiutarlo a raggiungere il suo obiettivo>>

Continua a leggere

Udinese

Udinese, c’è la Vecchia Signora: la palla passa al campo

Il covid, i ricorsi, i protocolli, le tante difficoltà, tutto ha accelerato il passare della settimana tanto che si è già arrivati alla giornata di vigilia della terza giornata di ritorno, quella nella quale l’Udinese inizierà il trittico di trasferte tra Campionato e Coppa per affrontare Juventus, Lazio e Genoa. In mezzo a tante criticità, l’Udinese deve sfruttare quanto di positivo gli ha concesso questa settimana, vale a dire la fatica fatta dalla Juventus mercoledì sera, che prima di vedere l’Inter sollevare la Supercoppa ha dovuto lottare e sudare per 120 minuti, avendo all’orizzonte solo 72 ore per riposare. Dal canto suo Allegri avrà però sicuramente tante possibilità di ruotare i suoi elementi, recuperando anche gli squalificati De Ligt e Cuadrado, sempre molto pericoloso quando affronta il suo passato friulano. Per questo Gabriele Cioffi non vuole concentrarsi sugli assenti ma su chi ci sarà a Torino, pronto a dargli tutto in una gara che ha motivazioni da vendere. Come successo nel suo esordio contro il Milan, Cioffi vuole vedere gli occhi della tigre da parte dei suoi ragazzi, che vogliono battere un colpo dopo la brutta figura, arrivata con tante attenuanti, contro l’Atalanta. Il recupero di Makengo dal Covid è già una buonissima notizia per l’allenatore toscano, che adesso sta preparando la partita contro la Vecchia Signora con attenzione sempre rivolta ai potenziali recuperi di qualche elemento importante, da Arslan per rinforzare la mediana, passando per Silvestri e arrivando a Zeegelaar che sarebbe particolarmente utile vista la penuria di difensori centrali. L’olandese potrebbe rappresentare un buon recupero, soprattutto qualora si potesse già avere a disposizione Benkovic per una potenziale staffetta. Supposizioni, suggestioni che lasceranno la parola al campo. Non sarà di nuovo una partita semplice per l’Udinese, ma il gruppo ha finalmente lavorato insieme questa settimana e già da questo si deve ripartire per provare a tirare uno scherzetto alla Juventus di Max Allegri.

Continua a leggere

UDINESETV LIVE

Facebook

Ultime News