fbpx
Connettiti con noi

Economia

Partite Iva: iniziata la risalita dei numeri. A Gorizia l’incremento piu’ alto

Tornano a salire in FVG le aperture di nuove partite IVA, dopo un anno negativo causa pandemia. Quasi 10.800 lo scorso anno: +30% sui livelli pre Covid. A Gorizia l’incremento più alto a livello nazionale con il commercio on line. Sentiamo

10.795 nuove partite Iva: +48.4% rispetto all’anno precedente, ma soprattutto +30% rispetto al periodo pre Covid. E’ quanto emerge da un’indagine del ricercatore dell’Ires Francesco Russo, che ha rielaborato i dati del ministero delle finanze relativi alle iscrizioni di nuove partite Iva nel 2021.

La crescita maggiore si riscontra nella provincia di Gorizia, che presenta un incremento del 285,8% (da 853 a 3.291 aperture), il più elevato in termini percentuali a livello nazionale. Un incremento dovuto soprattutto alla presenza sul territorio della sede legale di una società di vendite online, che opera quale rappresentante fiscale in Italia per vari soggetti non residenti. Sono proprio queste ultime infatti ad aver registrato l’aumento maggiore che porta il FVG ad essere la terza regione d’Italia, dopo Lombardia e Veneto, per l’apertura di partite Iva da parte di soggetti non residenti.

Analizzando le tendenze settoriali, quello del commercio è stato il settore con il numero maggiore di aperture (quasi 3.700, trainate dell’on-line). Nel biennio precedente il primato apparteneva invece alle attività professionali scientifiche e tecniche (avvocati, commercialisti, ingegneri e altro). L’edilizia ha evidenziato una notevole crescita delle aperture (+294 unità, pari a +38,3%). Anche le attività immobiliari mostrano una dinamica positiva significativa (+109 unità, pari a +83,2%). Il settore che comprende alberghi, bar e ristoranti è uno di quelli dove la flessione nel 2020 è stata più consistente a causa delle restrizioni introdotte per fronteggiare l’emergenza sanitaria (-36,2% rispetto all’anno precedente); nonostante la modesta ripresa del 2021 (+41 unità), il numero di aperture rimane molto distante dai livelli precedenti alla pandemia. All’opposto, e probabilmente per lo stesso motivo, il comparto della sanità e dell’assistenza sociale è uno dei pochi che ha mostrato un incremento nel 2020 (+20,5%) e anche nel 2021 si è mantenuto su livelli molto superiori rispetto al 2019.

Ultimi due dati, il 62% delle nuove aperture ha riguardato gli uomini, fascia di età compresa tra 36 e 50, ma è tornata a cresce anche la quota degli under 35, il 47.4% delle nuove partite Iva aperte nel 2021.

UDINESETV LIVE

Facebook

    Privacy Policy Cookie Policy

Copyright © 2020 Udinese TV