fbpx
Connettiti con noi

Sport

Accadde Oggi – La penalizzazione non scoraggia Pozzo

Il 5 agosto 1986 la Commissione Disciplinare condanna l’Udinese alla retrocessione, ritenuta coinvolta nelle vicende del toto nero risalenti alla stagione precedente quando il presidente del club bianconero era Lamberto Mazza. Immediato è il ricorso e il 28 agosto la Caf rivede la sentenza di primo grado, l’Udinese rimane in A, ma dovrà scontare nove punti di penalizzazione nel successivo campionato. Pozzo, che il 28 luglio, è subentrato a Mazza decide di acquistare tre ex campioni del mondo, Francesco Graziani, Daniel Bertoni, poi Fulvio Collovati; lo fa soprattutto per dare un po’ di entusiasmo alla piazza che sino a tre anni prima sognava lo scudetto. Alla fine l’ Udinese conquisterà 15 punti, ma senza la penalizzazione si sarebbe salvata e ciò gli dà una carica particolare per cercare di riportare in alto le sorti del club. Rifa la squadra, ma inizialmente i risultati che tutti si aspettavano non arrivano. Si verifica l’effetti saliscendi tra A e B, poi il lavoro del patron che dal 1994 verrà affiancato dal figlio Gino, laureato a pieni voti nel 1988 in “Business Administration” all’American University di Washington (premiato anche come il miglior studente di quel corso), produce gli effetti sperati. L’Udinese dal 1995-96 è stabilmente in A (28 anni), un record per una provinciale. Due anni dopo la squadra bianconera, concludendo il torneo al quinto posto, conquisterà per la prima volta l’accesso alla Coppa Uefa

UDINESETV LIVE

Facebook

    Privacy Policy Cookie Policy

Copyright © 2020 Udinese TV