fbpx
Connettiti con noi

Cronaca

Malborghetto, trovato esanime il corpo del giovane escursionista padovano

È stato ritrovato senza vita il corpo di Stefano Bazzacco, ragazzo di 25 anni, residente a Tombolo (Padova), che dalla giornata di ieri, mercoledì 21 settembre, era disperso nel gruppo del Jôf Fuart, a Malborghetto-Valbruna.

Il giovane aveva pernottato al Rifugio Pellarini, da dove ieri mattina era partito con l’intenzione di scalare da solo lo spigolo Deye Peters, nota e difficile via di arrampicata che risale lo sperone Nord est della Torre delle Madri dei Camosci.

Il gestore della struttura ha raccontato di aver cercato di dissuadere il giovane dal suo intento di portare a termine l’impresa in solitaria, senza però riuscirvi. Proprio attraverso la sua testimonianza le ricerche si sono concentrate in quella zona. Già nella tarda serata di ieri era stata attivata la stazione di Cave del Predil del Soccorso Alpino Fvg e la Guardia di Finanza. All’alba di oggi anche l’elicottero della Protezione Civile Fvg è decollato da Tolmezzo, mentre un’unità cinofila è giunta sul nevaio sottostante l’attacco dello Spigolo Deye Peters.

Il fiuto di Asia, cane del Soccorso Alpino e Speleologico portato sul luogo, ha permesso ai soccorritori di risalire alla via percorsa dal giovane e di concentrare le ricerche su una buca presente lungo il manto, sul fondo della quale è stato rinvenuto il corpo del 25enne. I tecnici del Soccorso Alpino si sono calati per una decina di metri, recuperando la salma e riportandola in superficie, dove il medico legale ne ha constatato il decesso.

UDINESETV LIVE

Facebook

    Privacy Policy Cookie Policy

Copyright © 2020 Udinese TV